Login
Perché registrarsi

La registrazione ti consente di essere riconosciuto dal sistema e di accedere alla tua Area personale del sito, dalla quale potrai:

  • Visualizzare promozioni riservate ai soli utenti registrati.
  • Modificare i tuoi dati di registrazione.

L’oréal Inoa


I capelli per una donna sono parte fondamentale del look, il taglio dice molto di come ci sentiamo e come siamo, ma anche il colore è fondamentale, sia per cambiare ma anche per coprire i capelli bianchi che purtroppo compaiono con il passare degli anni. Però, anche i capelli e la cute della testa sono delicati, se poi amiamo cambiare e usiamo spesso le colorazioni dobbiamo stare attente a non rovinare la testa per evitare l’effetto ‘scopa’ o addirittura il diradarsi e la perdita eccessiva dei capelli. In questa direzione è sempre andata L’Oréal, che iniziò ormai cento anni fa a produrre colorazioni e in tutto questo tempo ha cercato e continua a cercare di migliorare i suoi prodotti per dare ai suoi clienti il massimo della praticità e della sicurezza. Inoa: colora senza rovinare i capelli L’ultimo prodotto innovativo nella divisione colorazione professionale è Inoa. Una colorazione inodore, che è spesso molto fastidioso durante il tempo di posa e per l’ambiente, e senza la presenza di ammoniaca, quindi non aggressiva per il cuoio capelluto lasciando inalterata la componente lipidica e gli amminoacidi; questi ultimi sono i componenti che mantengono il capello sano e integro senza seccarlo o rovinarlo causando forfora o caduta innaturale. Inoa copre il 100% dei capelli bianchi in modo uniforme e naturale. Tutto questo grazie a un nuovo prodotto, il MEA (monoetanolamina - che è un agente alcalino che rispetto all’ammoniaca ha il vantaggio di non avere un odore pungente) e una nuova tecnologia chiamata ODS (Oil Delivery System) brevettata dai laboratori di ricerca L’Oréal a base di oli naturali che aumenta il potere colorante attivo della formula proteggendo però la patina naturale che preserva il capello. L’acqua e l’ammoniaca si legano ma in maniera inferiore rispetto a una base oleosa.